Pagine informative

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

Spesso si confondono le allergie con le Reazioni Avverse agli alimenti. L’ Allergia è una risposta del sistema immunitario ad antigeni, alimentari e non, mediata da anticorpi specifici di tipo IgE, che scatena il rilascio di Istamina e Prostaglandine. La reazione è immediata e non dipende dalla quantità di antigene.

La Reazione Avversa ad uno o più alimenti è causata da un eccessivo contatto delle proteine di alcune sostanze col sistema immunitario, il quale scatena una risposta tardiva mediata da anticorpi IgG. Questa risposta, se protratta nel tempo, può causare un’infiammazione persistente a carico dell’intestino e/o di altri organi.


NUTRIGENETICA

INTOLLERANZE ALIMENTARI

Individui diversi possono rispondere in modo diverso allo stesso regime alimentare a causa delle differenze esistenti tra i loro geni. Il test del DNA è uno strumento innovativo in grado di fornire informazioni che permettono di modulare un’alimentazione in modo personalizzato nel rispetto delle caratteristiche genetiche di ognuno di noi.
 

Intolleranza al Glutine. Celiachia
La Celiachia è una patologia autoimmune caratterizzata da un danno alla mucosa intestinale innescato da una intolleranza al glutine presente in alcuni tipi di cereali come avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale. La celiachia è riconosciuta da tempo come malattia ereditaria legata alla presenza di particolari varianti genetiche. Il test genetico rappresenta uno strumento importante di prevenzione perché permette di sapere se esiste una predisposizione genetica a questa patologia e consente di adottare quelle misure alimentari che prevengono lo scatenarsi della reazione autoimmune.
 

Intolleranza al Lattosio
Si definisce intolleranza al lattosio il complesso dei sintomi che possono presentarsi per l'incapacità di digerire il lattosio, il principale zucchero del latte. Questa è causata da una carenza di lattasi, l'enzima che scinde il lattosio in zuccheri semplici che vengono poi assorbiti dal tratto gastrointestinale. Questo tipo di intolleranza è molto comune nell'adulto: in Italia dal 30 al 70% della popolazione soffre di carenza di lattasi. Il test genetico aiuta a distinguere l’intolleranza al lattosio tipica dell’età adulta dall’intolleranza indotta da altre patologie gastrointestinali.
 

VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA CON ESAME IMPEDENZIOMETRICO

Test Impedenziometrico

Viene utilizzato per determinare lo stato fisiologico-nutrizionale del paziente tramite l'analisi della composizione corporea (massa grassa, massa magra, quantità di liquidi, metabolismo, peso ideale).
Si basa sulla misura della resistenza opposta dal corpo al passaggio di una corrente a bassissima intensità e si ottiene con l'apposizione di 4 elettrodi (2 alla mano e 2 al piede). L'esame BIA non è pericoloso, può essere effettuato anche su donne in gravidanza, neonati e anziani.
I valori provenienti dall' impedenziometro e la successiva conversione in dati utili viene effettuata da un software, che permette poi di stampare ed archiviare una scheda del paziente.
Ideale per stabilire lo stato fisico-nutrizionale iniziale, base di partenza per impostare un programma alimentare personalizzato, e per valutare durante i controlli mensili i cambiamenti corporei avvenuti in conseguenza al nuovo regime alimentare.
Consigliato anche per ottimizzare ed impostare programmi d'allenamento sportivo tramite il controllo dello stato d'idratazione e delle modificazioni della massa muscolare e della massa grassa.
 

METABOLISMO BASALE

Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico e psichico, a digiuno da almeno 12 ore.
In altre parole, il metabolismo basale è il minimo dispendio energetico necessario a mantenere le funzioni vitali e lo stato di veglia.
In un individuo sano e sedentario rappresenta circa il 65-75% del dispendio energetico totale.
E più alto negli uomini rispetto alle donne
Diminuisce con l'età: tra i 60 ed i 90 anni cala di circa l'8% per decade
Questo calo può essere rallentato da un'adeguata attività fisica.
 

BMI- BODY MASS INDEX

IL Body Mass Index (BMI) o Indice di Massa Corporea (IMC) è un parametro molto utilizzato per ottenere una valutazione generale del proprio peso corporeo.
Esso mette in relazione con una semplice formula matematica l'altezza con il peso del soggetto.
Si ottiene dividendo il peso in Kg del soggetto con il quadrato dell'altezza espressa in metri.
Il risultato di tale formula classifica il soggetto in un'area di peso che può essere: normale - sottopeso - sovrappeso - obesità di medio grado - obesità di alto grado.


BMI CONDIZIONE
< 16.5 GRAVE MAGREZZA
16-18,49 SOTTOPESO
18.5-24,99 NORMOPESO
25-29,99 SOVRAPPESO
30-34,99 OBESITÀ CLASSE I (lieve)
35-39,99 OBESITÀ CLASSE II (media)
> 40 OBESITÀCLASSE III (grave)

2019 - Privacy Policy e Cookie policy C.F. GRDFNC66A44H199I - Iscritta all’ordine nazionale dei biologi n AA066979 |